Come scegliere un test genetico

Come scegliere un test genetico

Massimo Spattini


Sono anni che mi avvalgo dei test genetici per impostare protocolli di alimentazione, integrazione e allenamento il più possibile personalizzati.
Senza dubbio l’utilizzo di questi test ha portato ad un livello superiore la mia capacità diagnostica e terapeutica permettendo un intervento più mirato.
Il solo aspetto negativo è il costo aggiunto rispetto alla sola visita basata sull’anamnesi e sulla valutazione di test ematici.
Ragione per cui la scelta di un test, nel rispetto della qualità, deve tenere conto del prezzo per non gravare troppo sul paziente.
All’inizio mi avvalevo di test specifici in grado di evidenziare problematiche che si potevano sospettare dall’anamnesi e dagli esami ematici. Poi, dato che nel percorso terapeutico finivo per fare più test che sommati costituivano un costo importante, ho preferito avvalermi di un pannello di test più completo che comprendesse: l’intolleranza genetica al lattosio, il rischio celiachia, la sensibilità all’istamina, la velocità di metabolizzazione della caffeina, la tolleranza agli alcolici, l’allineamento degli alimenti e micronutrienti al codice genetico, il rischio cardiovascolare e neurodegenerativo, il polimorfismo MTHFR legato a livelli elevati di omocisteina, il metabolismo delle catecolamine, il profilo della colesterolemia, la predisposizione al sovrappeso, all’insulino resistenza, all’infiammazione, all’osteopenia, all’ipertensione e la sensibilità al sale, la capacità antiossidante, infine la predisposizione a sport di endurance o di potenza.
Tutto ciò costituiva un costo molto ridotto rispetto alla somma dei singoli test.
Ovviamente nella scelta di un test genetico bisogna considerare non solo il prezzo, ma anche la certificazione della metodologia e la velocità e certezza della risposta.
Per me questo è un aspetto importante in quanto in occasione della prima visita consegno al paziente una dieta di disintossicazione per preparare l’organismo a rispondere meglio alla successiva dieta, dopo un mese, finalizzata alle esigenze specifiche del paziente e che per essere personalizzata deve avvalersi delle risposte dei test genetici.

2020-09-16T10:11:19+00:00

 

Vuoi diventare distributore dei test vitaeDNA?
Compila il form e verrai ricontattato.




 

 

Compila il form per scaricare la brochure VitaeDNA